ATTENZIONE A ONLUS, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI IRREGOLARI SENZA AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE ! AFFIDARSI ALLE AGENZIE INTERINALI E DI SOMMINISTRAZIONE AUTORIZZATE DAL MINISTERO DEL LAVORO
ATTENZIONE A ONLUS, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI IRREGOLARI SENZA AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE ! AFFIDARSI ALLE AGENZIE INTERINALI E DI SOMMINISTRAZIONE AUTORIZZATE DAL MINISTERO DEL LAVORO

FALSA ONLUS PER BADANTI, ARRESTI A MILANO E TORINO

Apr 10 2019

Cerchi un posto da badante? Se sei clandestina e devi lavorare in nero hai trovato le persone giuste. Nove ordinanze di custodia cautelare eseguite ieri, quattro persone in carcere e cinque ai domiciliari. Accuse pesanti: caporalato e favoreggiamento dell’immigrazione illegale. L’indagine, condotta dalla Guardia di finanza e coordinata dalla procura di Varese, ha smantellato un’organizzazione che reclutava personale per una delle funzioni più richieste dalle famiglie italiane. Al vertice dell’agenzia abusiva c’erano due donne: una russa e un’ucraina che dopo essere arrivate in Italia e aver praticato la professione “sul campo” si erano messe in proprio. Gestivano direttamente il lavoro di un folto gruppo di connazionali costrette, letteralmente, a pagare per lavorare. Sino a 700 euro per “iscriversi” all’associazione fantasma. Le persone ingaggiate dovevano anche pagare l’affitto per vivere in alloggi in stato di assoluto degrado.

 

La prima a bucare il muro del silenzio, alla fine dello scorso anno, una delle schiave dell’associazione, con problemi di salute, che aveva denunciato le vessazioni ai finanzieri. Come lei, c’erano altre donne, attirate in Italia con la promessa di un lavoro sicuro attraverso siti Internet, e poi inserite in un giro di badanti in nero, messe a lavorare senza alcuna garanzia al servizio di anziani residenti in Lombardia, tra Varese, Milano e Como, e in Piemonte, in particolare in provincia di Torino. Il tutto in violazione di ogni normativa sul lavoro: zero contributi, niente sicurezza, igiene, nessun orario e stipendi assolutamente inadeguati. L’organizzazione aveva il suo fulcro nel sito Internet, riconducibile alle due principali indagate. L’avevano chiamato “Bada Bene”.

 

Sul sito, gli annunci di chi cercava un lavoro, filmati, a disposizione dei clienti che potevano scegliere, come su un catalogo. Un’operazione di marketing che funzionava. Le badanti sfruttate arrivavano per lo più da Ucraina, Russia e Bielorussia. Soltanto nel periodo fra ottobre e dicembre 2018 sono state impiegate circa cinquanta persone. Tutto era perfettamente organizzato, a partire dalla gestione delle iscrizioni a pagamento all’associazione, con una quota in contanti di 600 euro. Chi voleva, poteva pagare a rate. Ma si trattava in questo caso di sborsare 700 euro in due tranche da 350. Alle badanti, però, veniva requisito in garanzia il passaporto, che non veniva restituito fino al saldo. L’organizzazione si occupava anche di ricevere le telefonate dei clienti, dando istruzioni sulle condizioni da porre alle lavoratrici. Fissava anche incontri con le famiglie, accompagnando le aspiranti assistenti anziani al colloquio. Anche alla casa pensava l’agenzia illegale. Alloggi di fortuna, da pagare fra i 5 e gli 8 euro al giorno, in attesa di trasferirsi a casa dei clienti.

 

FONTE: https://www.ilgiorno.it/varese/cronaca/badanti-in-nero-caporali-1.4525877?fbclid=IwAR2kp4EFYrckJKmudKhA2ZihPzv-MRo4HN8a2reR0UElXGo8KOrtwJdqXO4

 

Letto 30 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cerco badante

Richiedi un preventivo

E' gratis

Senza impegno ti invieremo un preventivo su misura per le tue esigenze.

Compila i dati

Contatti